Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
Mi presento
1. Le origini degli ornamenti personali
2. Gioielli antichi
3. Le gemme antiche
4. I gioielli Indiani
5. Tra Oriente ed Occidente
6. Spazio Libero
BIBLIOGRAFIA E FONTI
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
7. I gioielli dei Romani

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
"La cena Trimalchionis"
Immaginate di essere in una grande sala completamente decorata da dipinti dai vivaci colori che, con illusioni prospettiche, finte architetture classicheggianti attraverso le quali si intravedono scorci di sconfinati paesaggi mediterranei, sembrano ingrandire l’ambiente; al centro della sala, adagiati su uno splendido pavimento a mosaico, sono posti tavoli di legno di cedro dalle gambe d’avorio, attorno ai quali tre divani - riccamente decorati con intarsi in madreperla, oro ed argento e coperti di tessuto finissimo - ospitano, distesi in una posa insolita, abbondanti commensali intenti a chiacchierare animatamente tra loro.


Immaginate le tavole imbandite con numerosi cibi: olive, uova, funghi, carni pregiate, pesce, frutta fresca, confetture e dolci, disposti, da orde frenetiche di domestici impegnati a servire i commensali, in preziose suppellettili in modo da creare fantasiose coreografie. Tutto rallegrato da fiumi di un vino da noi mai assaggiato, miscelato con acqua calda e miele, e da esibizioni di suonatori di cetra, lettori di versi, buffoni e nani.

Questo ambiente è il “triclinium”, la sala da pranzo dove si svolgeva la cena nelle dimore signorili dei romani e i liberti facevano sfoggio dei loro ricchi averi.
Una suggestiva descrizione di una cena in casa di liberti è riportata nel “Satyricon”, opera di Petronio, enigmatico poeta della corte neroniana, perspicace osservatore della vita quotidiana di Roma e dei costumi della sua epoca.
Il Satyricon, di cui rimangono solo alcuni frammenti, offre un pittoresco scorcio sui bassifondi della Roma antica, soprattutto - attraverso la “ Cena Trimalchionis” -l’opulento banchetto a cui partecipano i tre giovani protagonisti dell’opera petroniana, Encolpio, Ascilto e Gitone, offerto in casa di Trimalchione, liberto imperiale, arricchito con la vile pratica della delazione, che utilizza la cena per impressionare gli invitati attraverso abbondanti portate, discorsi eruditi, numeri di varietà e magnifici gioielli.
Il gusto dell’ostentazione del liberto e della sua degna consorte Fortunata, che ci lasciano un immagine immortale della ricchezza e delle mode della società imperiale, è perfettamente testimoniato in questo pittoresco passo: <<[…] Ella, dunque, venne (Fortunata), con la veste rialzata da una cintura verde pallido lasciando così intravedere al di sotto della tunica color ciliegia le armille (bracciali) ritorte intorno alle caviglie e le pantofole ricamate d’oro. Asciugandosi le mani con il fazzoletto che portava al collo, si adagiò sul letto dov’era Scintilla, la moglie di Abinna […] […]Ben presto i loro complimenti giunsero a tanto che Fortunata si tolse i braccialetti dalle grandissime braccia per farli ammirare meglio a Scintilla.
Infine si tolse anche le armille dalle caviglie e perfino la reticella che le raccoglieva i capelli, che lei diceva essere di oro a 24 carati.
Trimalchione se ne accorse e si fece portare tutto.
“Ecco qua” disse “che razza di ceppi son capaci di mettersi ai piedi le donne! Quest’armilla peserà sei libbre e mezzo. E io stesso ho un bracciale di dieci libbre, che ho fatto fare con i millesimi di Mercurio” […]
Scintilla non fu da meno: si tolse dal collo un astuccetto d’oro, che chiamava il suo portafortuna, da cui tolse due crotalia (orecchini con perle) e li fece ammirare a Fortunata.

“ Sono un regalo del mio consorte” disse “ nessuno ne ha di più belli”.
“ Perbacco” intervenne Abinna “ mi hai messo completamente a secco per comprarti quelle fave di vetro. Se avessi una figlia sta sicura che le taglierei le orecchie. Se non ci fossero le donne, la vita sarebbe meno cara” >> (Satyricon, LXVII).

Amati e desiderati, sfoggiati e vietati, i gioielli furono, quindi, un aspetto caratteristico della società romana, indispensabili elementi di bellezza ma, soprattutto, strumenti d’identificazione sociale, attraverso i quali i liberti - i nuovi ricchi - ostentavano la loro posizione e la loro fortuna. © E.De Luca - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare questo testo, anche parzialmente, senza autorizzazione.
Bibliografia >>>

In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.




Non dimenticare d'iscriverti alle NewsLetter!



Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui



Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui



Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.